Paese che vai nome che trovi

image

Si chiamano di solito Adam, Rayan, Youssef, ma ormai anche Matteo, Leonardo o Davide: sono i bambini stranieri nati da genitori residenti nel nostro Paese. Per le bambine il primato spetta a Sara, seguita da Sofia, Aurora e Malak.

A imporre il nome italiano ai bambini sono soprattutto i cinesi: i loro bambini iscritti in anagrafe per nascita si chiamano Matteo, Andrea, Kevin e Kimi, ma anche Alessio, Marco e Leo per i maschi mentre il nyome più frequente scelto per le bambine è Emily, seguito da Sofia, Angela e Serena.

Un comportamento opposto si riscontra per i genitori del Marocco, dell’India, della Tunisia e del Bangladesh, che raramentet scelgono per i loro figli nomi non legati alle tradizioni del loro Paese d’origine.

I genitori romeni e albanesi prediligono tanto nomi molto diffusi in Italia quanto nomi più tipici della comunità di appartenenza.

Cosi è  frequente che i bambini romeni si chiamino Matteo o Luca, ma anche David, Gabriel, o Alexandru e le bambine Sofia, Alessia, Giulia ma anche Alessia Maria, Maria o Sofia Maria. I
bambini albanesi si chiamano in prevalenza Gabriel e Kevin ma sono molto diffusi anche Andrea e Matteo; per le bambine
albanesi i nomi più diffusi sono Noemi, Aurora, Melissa e Emma.

L’analisi per singola cittadinanza conferma una scarsa concentrazione nell’uso dei nomi, a differenza degli italiani. Fa eccezione a questa tendenza il caso della comunità marocchina, molto legata evidentemente alle tradizioni d’origine: quasi un bambino su quattro o una bambina su cinque nati nel 2014 hanno uno dei primi cinque nomi della graduatoria.

Parole chiave (tag): , , ,

Commenti via Facebook:

Lascia un commento (0 commenti)

Ancora nessun commento





Scarica GRATIS la favola "Bibì e il merlo Mario"!

Iscriviti alla Newsletter e scarica subito GRATIS la Favola Illustrata in formato digitale (ebook)

Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per avere ACCESSO IMMEDIATO!

Scarica Ora

Oppure...

Ricevuta l'informativa sulla  privacy, presto il consenso



Archivio

Seguici su Twitter