Muoviti muoviti, non ti fermare!

muoviti muoviti, non ti fermare

I bambini che ogni giorno fanno un po’ di sport hanno una forma fisica migliore e, quando saranno più grandi, avranno meno probabilità di ammalarsi di cuore. Quanto detto non è certo una novità, ma adesso arriva uno studio a confermarlo. La ricerca, realizzata dall’Università di Sydney, ha analizzato 4600 bambini, giungendo alla conclusione che chi era stato più attivo fra 11 e 15 anni aveva un minore peso corporeo e fattori di rischio ridotti di malattie cardiovascolari e diabete.  

I risultati dimostrano l’importanza dell’esercizio fisico nell’infanzia, scrive il responsabile dello studio Emmanuel Stamatakis sulla rivista britannica Pediatrics. “Conferma che l’inattività compromette il sistema cardiometabolico sin dalla prima età”. “Vogliamo che i bambini siano attivi, non tanto per prevenire malattie croniche da piccoli ma per la loro salute da adulti, perché è allora che le malattie croniche insorgono”.

Nello studio a ogni bambino era stato chiesto di indossare un sensore del movimento per sette giorni consecutivi durante le ore da svegli all’età di 11 anni, quando sono state prese misurazioni e campioni di sangue. A 15 anni i ragazzini sono stati sottoposti nuovamente a misurazioni e analisi del sangue e i risultati sono stati esaminati in termini genetici, di dieta e di altri fattori di rischio alla salute. Chi si era impegnato in almeno 60 minuti di esercizio da moderato a vigoroso ogni giorno all’età di 11 anni, una volta raggiunti i 15 anni godeva di una migliore salute metabolica, con meno grasso corporeo e un rischio ridotto di diabete. 

 

Articoli correlati:

Parole chiave (tag): , , , , , , ,

Commenti via Facebook:

Lascia un commento (0 commenti)

Ancora nessun commento





Scarica GRATIS la favola "Bibì e il merlo Mario"!

Iscriviti alla Newsletter e scarica subito GRATIS la Favola Illustrata in formato digitale (ebook)

Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per avere ACCESSO IMMEDIATO!

Scarica Ora

Oppure...

Ricevuta l'informativa sulla  privacy, presto il consenso



Archivio

Seguici su Twitter