Il vizietto scaccia via l’allergia

image

I bimbi che succhiano il pollice e si mangiano le unghie possono prendersi la loro piccola rivincita. 

Uno studio rivela un insospettabile lato positivo di queste cattive abitudini: sembra infatti che i bambini cresciuti con le dita perennemente in bocca abbiano meno probabilità di soffrire di allergie più tardi nella vita.

La ricerca è stata condotta dall’università di Otago in Nuova Zelanda e pubblicata sulla rivista ‘Pediatrics’. Gli autori hanno seguito 1.037 persone dalla nascita all’età adulta e hanno chiesto ai genitori se i loro figli fossero ‘habitué’ dei vizi in questione a 5, 7, 9 e 11 anni. I ragazzi sono stati poi sottoposti a test per le allergie più comuni a 13 e 32 anni.

Rispetto ai coetanei ‘virtuosi’, fra chi da piccolo succhiava il pollice o si mordeva le unghie si è registrata una minore prevalenza di sensibilizzazione agli allergeni, già all’età di 13 anni: 38% contro 49%.

Non solo. I bambini che avevano entrambi i vizi mostravano un rischio ancora più basso, del 31%. E l’effetto ‘protettivo’ è risultato durare per tutta la vita, visto che i dati sono stati confermati anche dai test eseguiti all’età di 32 anni.

Lo studio non ha invece trovato differenze nel rischio di sviluppare malattie allergiche come l’asma o la febbre da fieno.

La teoria è che abitudini come quella di succhiare il dito – che i bambini sviluppano fin nel grembo materno – espongano i piccoli ai germi già dalla tenera età. Questo avrebbe l’effetto di cambiare le funzioni immunitarie del loro corpo e di proteggerli in qualche modo dagli allergeni, tra cui acari della polvere, erba, muffe e pelo di animali.

Articoli correlati:

Parole chiave (tag): , , ,

Commenti via Facebook:

Lascia un commento (0 commenti)

Ancora nessun commento





Scarica GRATIS la favola "Bibì e il merlo Mario"!

Iscriviti alla Newsletter e scarica subito GRATIS la Favola Illustrata in formato digitale (ebook)

Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per avere ACCESSO IMMEDIATO!

Scarica Ora

Oppure...

Ricevuta l'informativa sulla  privacy, presto il consenso



Archivio

Seguici su Twitter