Cuore e batticuore

cuore batticuore

Quattro bambini su 100 sono ipertesi già alle elementari, ma il problema è sottostimato per la scarsa diffusione dell’abitudine di misurare la pressione a bambini e ragazzi. Questo è quanto emerso da un’indagine condotta dal Gruppo di Studio per l’Ipertensione Arteriosa della Società Italiana di Pediatria (Sip) su un campione di 8.300 bambini delle scuole elementari di Monza e di diversi centri della Brianza.

I risultati hanno rilevato che il 4 per cento della popolazione pediatrica presenta valori elevati di pressione arteriosa, inoltre, la prevalenza di ipertensione risulta molto più alta nei soggetti in eccesso di peso. Il dato è  confermato in analoghi screening condotti a livello internazionale.

Le probabilità che un bimbo iperteso diventi anche un adulto con problemi di salute di questo tipo, sono più alte rispetto a chi da piccolo non ha problemi di questo tipo. Il rischio di patologie cardiovascolari, che rappresentano la prima causa di morte, è quindi più alto e l’unica cosa da fare è la prevenzione.

La diagnosi precoce e il trattamento dell’ipertensione dovrebbero iniziare in età pediatrica – consigliano i medici – in modo da superare il preconcetto che l’età evolutiva sia esente da questa patologia.

Misurazioni sistematiche della pressione durante la visita pediatrica, ma anche nelle scuole, possono evidenziare un numero non trascurabile di bambini con valori elevati e consentire un intervento precoce.

Articoli correlati:

Parole chiave (tag): , , ,

Commenti via Facebook:

Lascia un commento (0 commenti)

Ancora nessun commento





Scarica GRATIS la favola "Bibì e il merlo Mario"!

Iscriviti alla Newsletter e scarica subito GRATIS la Favola Illustrata in formato digitale (ebook)

Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per avere ACCESSO IMMEDIATO!

Scarica Ora

Oppure...

Ricevuta l'informativa sulla  privacy, presto il consenso



Archivio

Seguici su Twitter